trattamento acque depurazione acque sanificazione acque
Ozono e Lampade sterilizzatrici

Gli impianti di disinfezione della serie Cillit-AQUAZONUVCS sono apparecchi per il trattamento dell'acqua basati sul principio dell'irraggiamento a raggi ultravioletti. L'acqua da trattare, una volta introdotta all'interno dell'apparecchio, viene esposta ad una radiazione germicida prodotta da lampade contenenti vapori di mercurio in bassa pressione in grado di emettere una radiazione ultravioletta con lunghezza d'onda nell'intorno dei 254 nm. A questa lunghezza d'onda il DNA dei microrganismi presenta il massimo del suo assorbimento. Una volta esposti alla luce ultravioletta, i microrganismi subiscono una reazione fotochimica a livello del DNA a seguito della quale perdono la loro capacità riproduttiva, divenendo innocui.

 

Le lampade a raggi ultravioletti della serie Cillit-AQUAZON UVCS sono costituite dauna camera di irraggiamento in acciaio inox AISI 316Ti e, a secondo dei modelli, da uno o più bruciatori (lampade UV) per l'emissione di raggi ultravioletti con lunghezza d'onda 254 nm, inseriti in tubi di protezione in purissimo cristallo di quarzo. La camera di irraggiamento è dotata di una piastra, anch'essa in acciaio inox, contenente turbolatori in modo da impartire all'acqua un flusso laminare ed esporre in maniera efficiente i microrganismi alla radiazione ultravioletta. Tutti i modelli sono dotati di un sensore UVC, per il controllo del corretto irraggiamento. I Cillit-AQUAZON UVCS sono gestiti da un quadro di comando dotato di elettronica a microprocessore dedicata UV-CONTROL. L'elettronica consente inoltre il comando di una valvola automatica di intercettazione linea (non compresa nella fornitura) nel caso di irraggiamento insufficiente, di una valvola automatica di spurgo (non compresa nella fornitura) nel caso di temperatura dell'acqua troppo elevata e il collegamento di un flussostato o di un termostato (non compresi nella fornitura). 

 

L'ozono è uno dei più potenti agenti ossidanti utilizzati nel trattamento dell'acqua. Si tratta di un gas (O – forma allotropica dell'ossigeno) incolore, caratterizzato da un particolare odore e fortemente reattivo.

 

L'ozono viene utilizzato, nell'ambito del trattamento dell'acqua, principalmente nei seguenti processi:

  • disinfezione dove è in grado di ossidare e demolire qualunque microinquinante e sostanza organica, sia virus e batteri che microrganismi unicellulari quali alghe e funghi;
  •    ossidazione di ferro e manganese per permetterne la successiva rimozione mediante filtrazione;
  •    miglioramento delle caratteristiche organolettiche complessive dell'acqua (deodorazione e decolorazione) grazie alla degradazione delle molecole che danno luogo a odori, colori e sapori.

Il fatto che l'ozono sia un gas instabile non ne permette la conservazione e quindi deve essere prodotto ed impiegato sul posto.